La camminata nordica è presente fin dagli anni ’30 ed fù praticata come allenamento a secco nei mesi di sosta dagli atleti scandinavi dello sci di fondo/combinata nordica.

Italia nei primi anni ’60 i primi rudimenti attraverso i nostri nazionali di fondo, Franco Nones ne era l’atleta di punta. Anche se il gesto tecnico non era riconducibile all’ odierno si può pur sempre parlare di Nordic Walking.

Storia racconta che, verso la metà degli anni 80, il runner americano Tom Rutlin, a seguito di un grave infortunio, sviluppò una prima tecnica da lui denominata metodo ExerStriding (esercizio con passo lungo).

Ma solo nel 1997 possiamo affermare che il Nordic Walking ufficiale nasce da una tesi di laurea dello studente finlandese Marko Kantaneva presso il Finnish Sports Insititute a Vierumäki, in Finlandia. Il Nordic Walking arriva in Italia alla fine del 2003 in Alto Adige per poi svilupparsi progressivamente a macchia d’olio in tutte le regioni.

L’anno 2008 vede la nascita della  Scuola Italiana Nordic Walking  da un’ idea di  Pino Dellasega e Fabio Moretti.

L’ associazione a tutt’ oggi conta oltre 3000 istruttori e più di mezzo milione di appassionati.

Da Ottobre del 2013 la Scuola Italiana Nordic Walking entra a far parte della F.i.d.a.l. (Federazione Italiana Atletica Leggera), come unica associazione di riferimento e formazione per istruttori di Nordic Walking in Italia.